Autodromo

La parte settentrionale del parco è occupata dall’Autodromo Nazionale, sorto nel 1922 per iniziativa dell’Automobile Club di Milano.  
Per costruire l’Autodromo venne costituita la S.I.A.S. – Società Incremento Automobilismo Sport- società federata all’Automobile Club d’Italia, che si occupa attualmente della gestione dell’impianto. I lavori per la realizzazione dell’Autodromo iniziarono il 26 febbraio 1922 su progetto dell’architetto Rosselli e dell’ingegner Puricelli e si conclusero dopo 110 giorni di alacre lavoro. L'impianto motoristico rappresenta un "tempio sacro" per i cultori di automobilismo e motociclismo.
Teatro leggendario di imprese altrettanto leggendarie, l’Autodromo costituisce il fiore all’occhiello di Monza sportiva. Incessantemente migliorato con le più moderne tecnologie, risulta tutt’oggi uno dei tracciati più impegnativi ed al contempo sicuri per i piloti. Da qui il largo favore incontrato tra sportivi ed appassionati, come testimoniato dalle centinaia di migliaia di spettatori che assiepano le tribune in occasione delle diverse manifestazioni. L’Autodromo monzese comprende la pista da Gran Premio (m. 5.793), la pista Junior (m. 2.405) e la pista di velocità (m. 4.250). La capacità ricettiva dell’impianto è di circa 135.000 spettatori e di circa 75.000 posti a sedere.



Per maggiori informazioni visita il sito:   www.monzanet.it